Un 2022 senza cookie di terza parte: come cambierà la pubblicità?

Google ha dichiarato che dal 2022 il proprio browser Chrome non supporterà più i cookie di terze parti, impedendo così l’identificazione univoca degli utenti per il tracciamento, la profilazione e il retargeting

 

La direzione è chiara: sembra che si vada verso la fine dell’identificazione univoca degli utenti per il tracciamento, la profilazione, il retargeting. Quando la Google Privacy Sandbox sarà operativa al 100% le conseguenze non saranno banali e impatteranno tutte le parti in causa: utenti, editori, inserzionisti, piattaforme AdTech.

I principali browser infatti impediranno il funzionamento di questi cookie in risposta alle richieste dei consumatori di maggiore trasparenza e chiarezza sull’utilizzo dei propri dati sul web.

 

Utenti

Gli utenti dovrebbero guadagnare un maggiore controllo dei propri dati personali. I messaggi pubblicitari saranno meno personalizzati. Saranno più legati al contesto della pagina che si sta visitando e meno al comportamento del singolo utente nel tempo e su siti diversi.

 

Editori

I siti che ospitano pubblicità saranno toccati in maniera profonda dalle modifiche in atto. Secondo una simulazione effettuata da Google, il declino degli introiti pubblicitari potrebbe arrivare al 64%. Questo a seguito dell’impossibilità di utilizzare profilazione e retargeting.
Gli editori dovrebbero investire maggiormente sulla pubblicità contestuale. Potranno e dovranno usare i cookie di prima parte e favorire l’autenticazione per conoscere in maniera più profonda i propri utenti. 

 

Inserzionisti

Anche gli inserzionisti dovranno modificare profondamente i propri modelli di business, considerando che la pubblicità personalizzata e il retargeting rappresentano oggi una parte importante dei loro canali di acquisizione. Dovranno trovare modalità nuove per parlare ai propri clienti e cercare di attrarli sempre più sulle proprie piattaforme. Offriranno nel sito un’esperienza realmente personalizzata, incrementando la conoscenza e la capacità di interagire direttamente con il cliente.

 

Piattaforme AdTech

Le piattaforme AdTech che mettono a disposizione tecnologie e strumenti per profilare gli utenti dovranno modificare anch’esse le proprie soluzioni. Dovranno offrire soluzioni più adatte al marketing contestuale e non comportamentale cross-sito e soluzioni basate sulle interazioni sul singolo sito. le piattaforme tratteranno maggiormente dati comportamentali aggregati, conosciuti solo a livello di gruppo o coorte di comportamento.

Non aspettiamo il 2022 per capire cosa fare e come muoverci, già adesso esistono interessanti soluzioni che ci permettono di poter lavorare bene senza correre il rischio di rimanere spiazzati tra 6-8 mesi.

 

Per maggiori informazioni chiamare il  347-4162056 o inviare una e-mail:  marketing@targatocn.it

 

Fonte Digital4.biz 

Call Now Button
Demaria Luca - Via Lungo Gesso 20 - 12100 Cuneo CN - P.I. 03743280046 C.F. DMRLCU73M12D205Y